Per un’ecologia integrale: il mondo che vogliamo

Pubblicata in: Scuola Secondaria di primo grado

“Che tipo di mondo desideriamo trasmettere a coloro che verranno dopo di noi, ai bambini che stanno crescendo? Non basta più dire che dobbiamo preoccuparci per le future generazioni. Siamo noi i primi interessati a trasmettere un pianeta abitabile per l’umanità che verrà dopo di noi.” (Laudato Sì, 160).

Per il mondo della scuola si tratta di una sfida e un’occasione di primaria importanza: formare ad una cittadinanza ecologica per rendere i giovani d’oggi i primi protagonisti di una ecologia integrale, di uno sguardo sulla realtà che sappia considerare tutti i fattori, dal rispetto per l’ambiente all’amore per il singolo uomo.

L’Istituto Massimo è fortemente impegnato dalle sollecitazioni della Laudato Sì di Papa Francesco: per questi motivi, venerdi 1 febbraio Legambiente ha incontrato in Sala Crostarosa tutti gli studenti delle prime medie. Partendo da un’esperienza ludica e coinvolgente, gli alunni hanno potuto riflettere sulle conseguenze positive di una corretta gestione dei rifiuti domestici e scolastici e come anche il più piccolo gesto del singolo possa avere una importanza decisiva per la collettività.

L’incontro del 1 febbraio rappresenta l’inizio di un percorso: gli studenti, stanno elaborando proposte per una scuola ecologicamente più sostenibile per essere protagonisti attivi del proprio apprendimento ed impegnarsi per il bene della comunità scolastica.

una scuola della Rete
Gesuiti Educazione